Prima di prendere l’autobus

[27 June 2015 h 6:50 a.m.]

L’autobus non era ancora arrivato, la fermata dall’altro lato della strada era deserta e si era ormai fatto buio. Egli camminava lentamente, tenendo in una mano la borsa con il computer e nell’altra – immancabile – il proprio cellulare (quello aziendale era in tasca, pronto per l’uso); intanto le auto sfrecciavano nelle due corsie della strada, separate da uno spartitraffico di verde.

Arrivato davanti alle strisce pedonali, si guardò attorno aspettando che le auto si fermassero per farlo passare. Dopo un paio di minuti, finalmente la carreggiata divenne deserta e riuscì ad attraversarla arrivando a metà della strada; fu in quel momento che si accorse di lei.

Bionda, magra, la vide accanto alla pensilina a fumare una sigaretta: mano a mano che si avvicinava, notò che era di bassa statura, ma i tacchi le davano circa 10 cm in più; portava gli occhiali e manteneva ferma la sua borsa rosa. Arrivato alla fermata, la guardò meglio: poteva essere sulla quarantina, ma non ci avrebbe giurato; era vestita come molte ragazze in discoteca, con la scollatura bene in vista. Per i cinque minuti che seguirono ella non lo degnò di uno sguardo mentre la sbirciava furtivo.

L’autobus arrivò in quel momento, ed egli salì notando con piacere che non c’era nessuno. Le porte si richiusero. La donna rimase alla fermata con la sigaretta in mano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...